Anna & Claudio
Anna & Claudio

Informazioni

Il nostro sito web

Sul nostro sito avrete modo di conoscere noi e i nostri hobby.

Matera

dal 27 al 31 marzo 2019

Questo viaggio è capitato quasi per caso: sia Anna che io siamo iscritti al FAI ed abbiamo ricevuto una mail con la proposta del giro della Lucania. Naturalmente non ci siamo lasciare scappare l'occasione, sia perchè era una meta a cui pensavamo da tempo, sia perchè questo poteva essere l'anno giusto, sia perchè un tour organizzato dal FAI è una garanzia.

E così è stato

27 marzo: la partenza da Milano e l'arrivo a Matera

A differenza di molti tour, questo di Matera è stato un "pronti via" immediato. Partenza a fine mattina con volo per Bari, poi bus in direzione Matera, ma con un'importantissima sosta per vedere la Cripta del Peccato Originale, un cenobio rupestre benedettino del periodo longobardo, impreziosita da un ciclo di affreschi datati tra l'VIII e il IX secolo.

28 marzo: Matera, la città rupestre, tra arte e natura

La giornata è dedicata integralmente alla visita di Matera, delle sue bellezze e delle sua storia. Cominciamo con la Cattedrale dedicata a Maria Santissima della Bruna, continuiamo con la Chiesa rupestre di Santa Lucia delle Malve (in cui non è stato possibile fotografare), proseguiamo con la Casa grotta (riproduzione di una tipica abitazione utilizzata fino agli anni sessanta e settanta del novemento) e la Casa cava (oggi utilizzata come importante centro culturale) e ancora con Palombaro lungo (una cisterna sotterranea) per finire con il Palazzo Lanfranchi (contenenti molte opere pittoriche di Carlo Levi). Tutta la giornata sotto la pioggia e con un clima non proprio primaverile non hanno tolto nulla alle meraviglie della città.

29 marzo: Venosa e Melfi

Dopo Matera allarghiamo lo sguardo e la conoscenza dei punti d'interesse limitrofi: Venosa al mattino e Melfi al pomeriggio.

Venosa, città antichissima, ricca di eccezionali segni della stratificazione della storia, è adagiata su un pianoro ai piedi del Monte Vulture.

La nostra visita si è concentrata sul parco archeologico, con gli interessanti resti dell'anfiteatro romano, i ruderi di terme romane, i resti di un battistero paleocristiano e la tomba di Marcello (console romano detto "Spada di Roma"). Appena dopo l'interessantissima Chiesa Incompiuta e, successivamente, l'Abbazia della SS: Trinità (la "chiesa vecchia").

Poco interessante, invece il Castello di Pirro del Balzo (detto erroneamente "aragonese").

Venosa è stata la città natale del più grande poeta della latinità, Quinto Orazio Flacco (65 a.C.).

Dicevamo che il pomeriggio è stato dedicato alla visita di Melfi, dove abbiamo visitato il Castello ed il suo Museo Archeologico Nazionale.

Prima di partira da Melfi, appena fuori dalle sue mura, ecco la bellissima Cripa di Santa Margherita, una chiesetta rupestre, scavata nel tufo vulcanico e risalente al X secolo, affrescata nel XIII secolo.

30 marzo: Aliano e Craco

Altre due perle: Aliano, la città dove è stato confinato Carlo Levi (tra il 1935 e 1936) e dove ha scritto "Cristo si è fermato ad Eboli". Visitiamo il parco lettarario di Carlo Levi, il Museo della Civiltà Contadina e la Pinacoteca Carlo Levi, che oltre ad essere scrittore era anche un ottimo pittore.

Seconda tappa della giornata è stata Craco, la città fantasma che troneggia sulle colonne di un borgo abbandonato a seguito di un'enerme frana che, nel 1963, ne rese impossibile la vita.

Da qualche, però, Craco ha una nuova vita: qui sono stati girate scene di film importanti, ed è diventato un Parco Museale Scenografico.

31 marzo: Matera, Bari, Milano

E' il giorno del ritorno, ma non è possibile non soffermarsi a fare un'ultima fotografia a Murgia Timone. nel cuore del Parco della Murgia Materana, da dove si domina l'intera città di Matera

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Claudio Izzo - Milano